Archive 2005-2010

BILANCIO IN ATTIVO


In via Paleocapa si è tenuta ieri l'assemblea degli azionisti dell'A.C. Milan. Il risultato dell’esercizio consolidato è positivo per 11,8 milioni di euro. In crescita il fatturato - LE DICHIARAZIONI DI GALLIANI -


Le Assemblee degli Azionisti di A.C. Milan S.p.A., Milan Entertainment S.r.l. e Milan Real Estate S.p.A. hanno approvato oggi i rispettivi bilanci dell’esercizio 2006.

Il fatturato di A.C. Milan S.p.A. ammonta a 293,1 milioni di euro mentre il fatturato consolidato è pari a 305,1 milioni di euro.
Il risultato d’esercizio di A.C. Milan S.p.A. ammonta a 2,5 milioni di euro di utile mentre
il risultato consolidato è pari a 11,8 milioni di euro di utile.

Il Milan ha quindi chiuso il bilancio dell'anno che ci siamo lasciati alle spalle in attivo. Il bilancio è stato approvato all'unanimità, come ha dichiarato Adriano Galliani durante l'assemblea da lui stesso presieduta. Queste le principali dichiarazioni del vicepresidente e amministratore delegato del Milan:

'Siamo primi in Europa. Per due anni consecutivi siamo arrivati secondi in campionato e fino al 30 giugno del 2006 abbiamo lottato per lo scudetto. Perchè non abbiamo fatto una grande campagna acquisti quest'estate? Fino al 23 agosto non era possibile per noi farla, per le note vicende. Non sapevamo se avremmo disputato la Champions e questo fino al 22 agosto, data della gara di ritorno contro la Stella Rossa. Il 23 agosto sono andato a Madrid per cercare di comprare Ronaldo ma il Real ha fatto una richiesta economica troppo elevata. Allora abbiamo virato su Ricardo Oliveira. Io però mi chiedo perchè si parla sempre dei mancati acquisti e mai, ad esempio, di Kakà, che è costato poco e che è un grande campione. Certi giocatori si azzeccano, altri no, ma il dirigente non lo può sapere prima perchè guarda quello che il calciatore ha fatto fino a quel momento, senza avere la certezza di cosa farà poi. In fin dei conti il Milan ha avuto un sacco di infortuni quest'anno e appena ha recuperato i giocatori ha iniziato a fare punti e ne ha fatti più della stessa Inter.

'Come azionisti dovreste essere contenti, perchè con questi giocatori e questo gruppo abbiamo avuto straordinari risultati e speriamo che quest'anno ci sia un'altra finale'.

'Per quanto riguarda l'aspetto economico la scelta di Shevchenko di andare via e la sua conseguente cessione ci hanno garantito 45 milioni di euro plusvalenza. Durante le gare che gioca il Milan, Andriy chiama ogni 5 minuti un amico a Milano per sapere il risultato. E' un amore eterno, cosa succede degli amori eterni non si sa'.


'Ibrahimovic? E' stato lui a dire di non poter più aspettare e noi, come detto, non potevamo muoverci fino al 23 agosto. Cristiano Ronaldo? L'abbiamo seguito, non è stato Ancelotti a non volerlo'.

'La scelta di Dida e del suo rinnovo è una scelta di tutta la società. E' una decisione presa con il presidente, l'amministratore delegato e il mister. Siamo stati tutti d'accordo. Confermare dei giocatori rientra nella nostra tradizione, testimonia l'importanza data al senso di appartenenza. Con il Manchester forse Dida ha fatto un errore, ma anche due parate decisive'.

'Per quanto riguarda Kakà, Ricky rimarrà al 105 per cento con noi, per almeno i prossimi quattro anni, il massimo consentito da un contratto. E noi glielo rinnoviamo tutte le stagioni'.

'Ronaldinho sarebbe la ciliegina sulla torta, ma è una ciliegina difficile da portare a casa. Il brasiliano è sotto contratto con il Barcellona, così come Buffon lo è con la Juventus'.

Tra le novità, il 'bilancio tecnologico' che il Milan, primo club calcistico in Europa, pubblicherà sul suo sito internet. Tutto confermato per quanto riguarda i 12 consiglieri di amministrazione e le cariche dirigenziali: Silvio Berlusconi presidente, Adriano Galliani vicepresidente vicario e amministratore delegato, Paolo Berlusconi e Gianni Nardi vicepresidenti.




DNA MILAN