20 aprile 2017

#TBT, MILAN-AJAX: INZAGHI, SENZA DISCUSSIONI

Si avvicina il 14' compleanno del gol mozzafiato di Superpippo ai lancieri: "Ancora oggi ho paura che quello che è successo sia solo un sogno..."

"Inzaghi! Inzaghi! E' il gol più importante dell'intera stagione del Milan! Inzaghi! Anche Tomasson ha toccato il pallone, ma il gol è di Superpippo! Non voglio sentire discussioni", era stato questo il 23 aprile 2003, quasi 14 anni fa, il commento in diretta di Sandro Piccinini, impegnato su Canale 5 nella telecronaca della gara di ritorno dei Quarti di finale di Champions League fra Milan e Ajax a San Siro, dopo lo 0-0 di Amsterdam. Ma per arrivare a quelle frasi, emozionate ed emozionanti, i rossoneri erano dovuti passare attraverso una trama tanto palpitante quanto spietata. Bisognava essere disposti a dare tutto, anche quello che non si aveva, pur di passare attraverso quel pertugio strettissimo che dava sulle semifinali: anche solo preservare un solo goccio dell'anima, avrebbe significato l'eliminazione.

PIÙ CON IL CUORE CHE CON LE GAMBE
Il Milan 2002-2003 era partito molto forte. In forma già a settembre, la squadra rossonera fa un girone d'andata da urlo, con 39 punti. Non solo: batte due volte il Bayern Monaco campione del mondo in carica e una volta il Real Madrid di Zidane e Ronaldo, conquistando già a febbraio, dopo un duro turno preliminare e ben due fasi a gruppi, la qualificazione ai quarti. Il Milan di inizio primavera però inizia ad avvertire la fatica, fisica e mentale. Nelle prime 12 giornate del girone di ritorno, quelle disputate prima di Milan-Ajax, erano arrivati solo 16 punti in campionato: tanta fatica contro le medio-piccole e due vittorie importanti contro Juventus e Inter a San Siro. Stesso film sull'agone europeo, tanto che quella di Mosca contro la Lokomotiv del 25 febbraio era stata l'ultima vittoria in Champions, prima delle sconfitte, a qualificazione ormai acquisita, contro Real Madrid e Borussia Dortmund, e prima del pareggio senza reti nell'andata dei quarti ad Amsterdam. E i rossoneri dovevano prepararsi ad affrontare il ritorno contro la squadra di Koeman, senza Pirlo e Seedorf, i tessitori di quel Milan insieme a Rui Costa.

IL GOL DI INZAGHI: "ANCORA OGGI HO PAURA CHE SIA STATO SOLO UN SOGNO"
Il Milan che scende in campo nel ritorno contro l'Ajax ha perso quattro giorni prima in casa, in campionato, contro l'Empoli. Lo scudetto è ormai perduto e la squadra di Ancelotti si gioca tutto il destino stagionale in Champions League. Segna Inzaghi e si va all'intervallo qualificati. Poi pareggia Litmanen, poi segna Sheva, poi pareggia ancora Pienaar al 78' minuto di gioco. E adesso? 2-2 ragazzi, il Milan è fuori. Ma al 90'... il racconto di Pippo Inzaghi è nitido ancora oggi:

 successo tutto in un modo così incredibile. Sul 2-2, in campo pensavo a tante cose, pensavo ai tifosi, li vedevo. Era come se mi sentissi sfuggire di mano un'avventura fin lì esaltante. Sarebbe stato terribile. Ero avvilito, però Paolo Maldini ha fatto il cross giusto, Massimo Ambrosini ha toccato di testa nel modo giusto, io sono andato sulla palla, vuol dire che ci credevamo tutti. Doveva andare bene per noi per una volta un finale di gara in quella stagione; fino a quel momento era andata sempre bene alle nostre avversarie. Ma ci pensate? Se Ambro avesse toccato di testa in un altro modo... se Chivu non fosse scivolato... ancora oggi ho paura che quello che è successo sia solo un sogno e se ci penso mi viene ancora un po' d'ansia. Comunque tutte e tre le azioni dei nostri gol in quella partita mi hanno dato emozioni. Il 2-1, ad esempio, era importante farlo subito. Al 2-2 una mazzata tremenda, poi la reazione. E' venuto a galla il cuore di quella squadra".

L'ULTIMO GOL PRIMA DI MANCHESTER
Il destino volle che quella contro l'Ajax fosse l'ultima rete di Inzaghi, nella Champions del sesto storico trionfo rossonero. Proprio lui, reduce da tre doppiette contro Lens e Bayern Monaco, dalla tripletta contro il Deportivo La Coruna e dal gol pesantissimo di Dortmund contro il Borussia, non avrebbe più segnato, nè in semifinale nè all'Old Trafford. Quasi che il guizzo dell'anima contro gli olandesi, dovesse essere definitivamente qualcosa da ricordare. Il gol cruciale nel momento più duro, lo spartiacque della storia del Milan. Come dire, adesso fate voi. Anzi fai tu, Sheva. E così accadde.

IL TABELLINO

MILAN - AJAX 3-2

MILAN: Dida, Simic (40'st Tomasson), Maldini, Nesta, Costacurta, Brocchi, Rui Costa (40'st Redondo), Ambrosini, Kaladze (35'st Rivaldo), Inzaghi, Shevchenko. All. Carlo Ancelotti.
AJAX: Lobont, Trabelsi, Pasanen, Chivu, Van Damme (1'st Litmanen), Yakubu, Sneijder, O'Brien, Pienaar (39'st De Jong), Ibrahimovic, Van der Meyde (44'st Bergdolmo). All. Ronald Koeman.
Arbitro: Mejuto Gonzales (Spagna).
Gol: 30' Inzaghi (M), 18'st Litmanen (A), 20'st Shevchenko (M), 33'st Pienaar (A), 45'st Tomasson (M).

 

 

Selezionate per te

#TBT  

#TBT: IL CIGNO E LO ZAR, CHE RIVALITÀ

<p>Marco Van Basten&nbsp;e Pietro Vierchowod: ripercorriamo una delle rivalit&agrave; pi&ugrave; accese in campo tra Milan e Sampdoria</p>

#TBT  

#TBT - LA MALEDIZIONE DI BELA GUTTMANN

<p>Stasera torniamo a giocare a Vienna, la citt&agrave; del buen retiro del nostro ex tecnico ebreo-ungherese Bela Guttmann</p>

#TBT  

QUANDO LAZIO-MILAN ERA ZEMAN VS CAPELLO

<p>Negli anni '90 tra il tecnico boemo e il goriziano non sono mancate critiche, frecciate, goleade e rivincite...</p>

Il divertimento è una cosa seria

SCOPRI DI PIU'

MILAN ACADEMY

Vivi l’esperienza rossonera a 360°

VIENI A TROVARCI

CASA MILAN

Sostieni la fondazione

SCOPRI DI PIU'

FONDAZIONE MILAN

Condividi il tuo tifo e la tua passione per il Milan