Caricamento...
conferenza-stampa30 giugno 2020

PIOLI: "È IL MOMENTO DI INSISTERE"

Le parole del Mister alla vigilia di SPAL-Milan: "La classifica attuale ancora non ci piace"

Due vittorie consecutive e la voglia, oltre che la necessità, di proseguire il cammino riiniziato in campionato. La ripartenza dopo la lunga sosta è stata positiva per il Milan, ma ora non ci si può fermare. La prossima fermata è Ferrara: mercoledì alle 21.45 i rossoneri affrontano la SPAL, desiderosa di punti salvezza. A Milanello, prima della partenza della squadra, Mister Stefano Pioli ha presentato la gara in conferenza stampa. Queste tutte le sue dichiarazioni:

VERSO SPAL-MILAN
"Domani ci vorrà grande convinzione, sarà una gara difficile. La SPAL arriva da due sconfitte ma di misura, darà il massimo e noi dovremo mettere in campo grande determinazione. Stiamo bene, ma il calcio è imprevedibile e imponderabile: dobbiamo tenere alta la concentrazione e la motivazione. Sono rimasto soddisfatto della vittoria con la Roma ma la classifica attuale non ci piace ancora. Adesso pensiamo solo alla SPAL".

L'OBIETTIVO
"Se in passato non siamo riusciti a ottenere i risultati che meritavamo, dopo delle buone prestazioni, vuol dire che ci è mancato qualcosa. Ci vuole tempo per costruire una squadra e farla crescere, portando avanti le proprie idee. Ma non dobbiamo guardarci indietro, dobbiamo vivere questo momento con attenzione e intensità. Ci sono 30 punti in palio per provare a raggiungere il nostro obiettivo. La media attuale, di due punti a partita, è un'ottima media, speriamo di mantenerla e speriamo sia poi sufficiente per arrivare in Europa".

LE SCELTE DI FORMAZIONE
"È sempre importante schierare la formazione migliore, ma è molto importante anche la panchina; a maggior ragione adesso, in questo periodo, che ci sono cinque cambi a disposizione. Sarà normale fare dei cambi per gestire al meglio la rosa, finora abbiamo gestito bene le energie ma adesso cominceremo a giocare ogni tre giorni e alcune scelte cambieranno per schierare la squadra migliore. Dobbiamo insistere su ciò che di buono abbiamo fatto dopo la ripresa del campionato".

I SINGOLI
"Ibrahimović sta bene. È un leone, ha sempre grande fame. Ieri ha fatto un ottimo allenamento, se oggi si ripeterà e mi darà il suo ok sarà convocabile. Çalhanoğlu è un grandissimo giocatore, è un leader tecnico ma anche morale, lo sto spronando per fare ancora di più la differenza. Ha tutto per diventare un top player, è il momento di fare il salto di qualità. Donnarumma è tra i primi portieri al mondo, ha grandissime doti. Ricopre un ruolo essenziale per la squadra, deve darle sicurezza e spronarla. È sereno e convinto, lo vedo felice e lo vedo nel Milan anche nei prossimi anni. Saelemaekers ha ottime capacità, è un giocatore duttile e dinamico. Ha tecnica ma deve cercare di essere meno frenetico nelle giocate. Non era facile prevedere un Rebić così decisivo, non era facile conquistarsi il ruolo e diventare così determinante. Non ha mai mollato, ha continuato a lavorare: questa è la mentalità giusta, sono molto felice della sua crescita".


È possibile contribuire alla raccolta fondi di Fondazione Milan a supporto della distribuzione di generi alimentari promossa dal Comune di Milano per le famiglie più deboli della città.

Condividi su:

Ultime news

I nostri partner