23 luglio 2019

OP-ED: L'OCCASIONE MANCATA

Benedetto e l'autografo di Franco Baresi sfuggito per poco 

Occasioni mancate: dall’autografo di Baresi all’esclusione di Lentini. Stagione 1994-1995: per il Milan una cavalcata non proprio all’altezza delle precedenti. La rosa necessita di qualche fresco innesto e Capello comincia a guardarsi intorno anche se, alla fine, rimarrà con noi. Non é comunque tutto da buttare: ci sono i gol di Simone, la forma recuperata di Lentini e una finale di Champions League raggiunta dopo aver battuto, in semifinale, il PSG di Weah. A Maggio il Milan giocherà contro l’Ajax a Vienna. Ma ora facciamo un passo indietro e torniamo alla mia avventura. Il 23 Aprile 1995, si gioca in campo neutro a Bologna, Torino-Milan. Il giorno prima della partita, in parrocchia, sento un pettegolezzo: il Milan si fermerà, nella tarda mattinata di domenica, alla Polisportiva San Faustino di Modena, a pochi passi da casa mia, per una sgambata mattutina prima di raggiungere Bologna. Io penso ad una bufala ma il giorno successivo mi presento comunque alla polisportiva, devo solo fare una breve passeggiata e attraversare il parco.

C’è gente ma non tantissima e mi avvicino all’edificio dove ci sono gli spogliatoi che si trova ad una decina di metri dal campo principale. Ci sono transenne provvisorie, io mi appoggio e aspetto. Ad un certo punto, escono dallo spogliatoio per raggiungere il campo Franco Baresi e altri membri della rosa. Ricordo il capitano, Eranio e Melli che fanno esercizi di riscaldamento sotto lo sguardo dei preparatori e, dopo un’ora circa, vanno a cambiarsi e risalgono sul pullman. Baresi è il piú cercato e alla fine mi devo accontentare dell’autografo di Melli nonostante l’inchiostro della mia penna abbia deciso di seccarsi all’improvviso. Il 23 Aprile 1995, al Dall’Ara, Milan batte il Toro 5 a 1 con una doppietta di Donadoni e una brillante prestazione di Lentini che, col senno di poi, avrebbe dovuto giocare tutta la finale di Vienna. Un rammarico sicuramente, ma la tristezza durerà poco: l’estate ci porterà Baggio e Weah e vinceremo ancora.

di Benedetto Bellei Mussini

La soffiata e l'intuizione furono giuste, ti resterà il rammarico di non aver avuto sul tuo taccuino l'autografo del capitano. Rimarrà però il ricordo di aver visto i rossoneri da vicino, e un'emozione così di certo non si può cancellare. 

OP-ED è la tua storia in rossonero, è il tuo racconto, è la tua prima volta, è la partita che non scorderai mai, la trasferta memorabile, la tua vittoria più bella, la tua emozione più grande vissuta con il Milan.

Raccontacela.

Ogni settimana raccoglieremo le vostre storie e ne sceglieremo una da pubblicare qui, su acmilan.com, sarà l'ennesima prova d'amore da parte dei tifosi per il Diavolo. Ti basterà compilare il form qui sotto e raccontarci la tua storia in rossonero, al resto pensiamo noi. Le storie pubblicate di settimana in settimana, saranno inserite in un box virtuale dove sceglieremo la storia più bella del mese. A fine stagione i vostri racconti mensili più belli vi daranno un'opportunità unica: passare una giornata a Casa Milan respirando la storia del club. Con un padrone di casa d'eccezione, Franco Baresi, che vi accompagnerà in una giornata interamente vissuta a tinte rossonere. OP-ED è il Milan che ti ascolta e che ti legge, partecipa anche tu a un'esperienza unica nel suo genere. Scrivi la tua storia legata ai colori rossoneri, la più bella la pubblichiamo noi.

La storia del Milan è anche la tua storia.

Selezionate per te

Community  

OP-ED: DALLA SVEZIA ALL'ALBANIA, FINO A SAN SIRO

<p>La storia di un appassionato rossonero con uno score particolare a San Siro</p>

Community  

OP-ED: DALLA B ALLA STEAUA

<p>La sofferenza per la Serie B e l'apoteosi di Barcellona: la storia rossonera di Lino</p>

Community  

OP-ED: IL BOATO DI MANCHESTER

<p>Antonio assist&eacute; dal vivo alla trionfale vittoria della Champions League nel 2003: il suo racconto</p>

PRIMA SQUADRA

BIGLIETTI

Condividi il tuo tifo e la tua passione per il Milan